Non serve scomodare Pavlov

L’altro giorno durante un corso un responsabile di una azienda cliente ha detto: “È palese: se non dico niente vuole dire che va bene, è sempre stato così…͟”

Siamo abituati a sentire pedagogisti, teorici dell’educazione, psicologi infantili che ci esortano a dire “Bravi!” ai nostri figli per consolidare i comportamenti corretti, invece che sanzionarli, punirli, sgridarli. E su questo punto siamo perfettamente d’accordo: funziona davvero ed è incredibile quanto in fretta i figli riescano a crescere grazie ai nostri apprezzamenti. I bambini amano ricordare gli episodi in cui siamo stati felici di loro e ci chiedono di narrarli e raccontarli con frequenza … ma quando andiamo in ufficio tutto questo lo cancelliamo.

E’ vero, siamo tra adulti, e la pedagogia è cosa da bambini, ma ogni tanto forse è bene chiedersi quali origini abbiano le teorie a cui ricorriamo per educare i nostri figli. Nel nostro paese (in altri meno, ad essere sinceri) dire “Bravo!” ad un collaboratore ed ancor più ad un collega sembra superfluo.
Ma siamo sicuri che questo semplice meccanismo non funzioni anche nel mondo degli adulti?

Non serve scomodare Pavlov e il condizionamento operante di Skinner per capire che il rinforzo positivo sui comportamenti porta ad una loro ripetizione.
Se apprezzo un dolce che ha appena sfornato mia moglie, con grande probabilità lo cucinerà nuovamente e con piacere alla prima occasione; se dico a mio marito che il maglione nuovo gli dona, probabilmente lo indosserà se usciremo a cena…

Allora, cari manager, se siete soddisfatti del lavoro dei vostri collaboratori o apprezzate il contributo di un vostro collega, diteglielo! Non serve aspettare i Performance Dialogue, utilissimi magari per raggiungere altri obiettivi, per un incoraggiamento quotidiano se meritato. Non vi farà certo male, anzi magari se ne gioverebbero anche le relazioni organizzative e il clima. Ma quando vi è capitato l’ultima volta di essere così espliciti? E quando è capitato a voi di essere valorizzati anche per un piccolo risultato quotidiano?

Non serve scomodare Pavlov, davvero!

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Welcome to Satef